Articoli

Che Giugno sarà sui mercati finanziari ?

,

Dopo gli ultimi sviluppi politici che stanno caratterizzando le diverse aree è opportuno chiedersi quali siano le migliori strategie di portafoglio.

Un commento come sempre utile in materia ce lo fornisce Luca Vaiani, Strategist di Fideuram Investimenti SGR

 

VAIANI

Clicca o tocca l’immagine per accedere al commento

Weekly Mercati – Commento della settimana 29 Maggio – 02 Giugno 2017

WEEKLY MERCATI

 

Clicca o tocca l’immagine per accedere al commento

Annual Report Integrato 2016

L’Annual Report Integrato di Fideuram S.P.A. è un importante strumento che comunica al mercato con un alto livello di trasparenza, grazie alla sua completezza, chiarezza ed essenzialità delle informazioni finanziarie e non finanziarie in esso contenute

Clicca (o tocca) l’immagine sottostante per accedere al video

Annual Report Integrato 2016

Impatto sui mercati delle elezioni presidenziali francesi

,

Le elezioni presidenziali francesi giocano un ruolo indubbiamente importante per il futuro dell’Europa.

Quali possono essere gli impatti sui mercati qualora, come indicano i sondaggi, vincesse Macron?

Quali sono le valutazioni sui mercati europei e quale ruolo avranno da qui a breve?

Luca Vaiani, strategist di Fideuram Investimenti SGR, spiega in questo video come sono state riviste le asset allocation alla luce della riduzione del rischio geopolitico che proviene dall’Europa.

Luca Vaiani

Si rinnova l’offerta sul conto corrente Plus IV

Nell’ambito delle iniziative per il secondo semestre 2017 si rinnova, con decorrenza 2 maggio, l’offerta sul conto corrente Fideuram Plus IV

L’offerta riconosce un tasso creditore annuo lordo dell’ 1% per giacenze in conto corrente fino a 50.000€

Il tasso sarà valido fino al 31/12/2017

I destinatari dell’offerta sono:

  • Nuovi clienti e nuovi correntisti che aprono il conto corrente e depositano almeno 25.000€

 

  • I già clienti, anche intestatari di un precedente conto corrente Plus IV, che dalla data del 2 maggio 2017 effettuano un nuovo versamento di almeno 25.000€

 

La finestra di sottoscrizione della nuova offerta è 02/05/2017 – 31/07/2017

Gli apporti di liquidità che verranno accreditati dal 2 maggio 2017 non possono provenire da smobilizzi di giacenze o prodotti presenti presso Fideuram S.p.A. e/o qualsiasi Banca del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Per maggiori informazioni si prega di compilare il modulo sottostante

Che cosa sono i P.I.R. – Piani individuali di risparmio

,

I P.I.R. – Piani individuali di risparmio, sono uno strumento finanziario (fondi comuni di investimento) istituito come soluzione per indirizzare il risparmio privato verso il sistema produttivo italiano.

Con i Piani Individuali di Risparmio (PIR), istituiti dalla legge di bilancio 2017, anche il nostro Paese si allinea all’esperienza di altri stati europei, come Francia e Gran Bretagna, dove questa forma di investimento è stata capace di instaurare un legame virtuoso tra risparmio ed economia reale.

Dalle ultime rilevazioni della Banca d’Italia le fonti di finanziamento delle PMI (Piccole e Medie Imprese) italiane risultano per il 90% provenienti dal sistema bancario e solo il 10% dal sistema non bancario.

Una situazione simile ma migliore della nostra la si può rilevare per i nostri vicini spagnoli dove le percentuali sono 78% sistema bancario e 22% sistema non bancario.

Equilibrata invece risulta la situazione di Germania e Francia dove le fonti di finanziamento delle PMI è quasi al 50% tra sistema bancario e non bancario.

Nettamente opposta alla nostra, invece, è la situazione degli USA dove si monitora per le PMI statunitensi una fonte di finanziamento non bancaria al 70% e bancaria al 30%.

Pertanto, per ridimensionare il divario tra queste due fonti di finanziamento anche nel nostro Paese, come è già accaduto in passato per altri Paesi europei, portando le PMI italiane a ridurre la propria esposizione al finanziamento bancario e favorire quello non bancario, con la legge di bilancio 2017 è stata ideata una forma di investimento nell’economia reale italiana fiscalmente agevolata e destinata alle persone fisiche, i P.I.R. appunto.

I Piani individuali di risparmio danno la possibilità di investire in diverse tipologie di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, ecc.) emessi principalmente da società italiane o da aziende dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo con stabile organizzazione in Italia.

Questo per creare una fonte ulteriore di finanziamento per l’economia reale rispetto al tradizionale canale bancario, stimolando un circuito virtuoso tra il risparmio delle famiglie e il sistema produttivo Italia.

La grande occasione per il risparmiatore – investitore italiano persona fisica è la possibilità di partecipare alla crescita del Paese e di accedere a rilevanti benefici in termini di tassazione sotto determinate condizioni.

Vantaggi ed Agevolazioni

Opportunità di usufruire di un trattamento fiscale favorevole previo rispetto di requisiti normativi previsti con l’obiettivo di salvaguardare la natura dei PIR come canale efficace di finanziamento al sistema produttivo

  1. COMPLETA ESENZIONE DALLA TASSAZIONE SUI REDDITI FINANZIARI: Sui redditi di capitale e redditi diversi generati dall’investimento nel PIR non è dovuta alcuna imposta, a condizione di mantenere l’investimento per almeno 5 anni. L’esenzione continua anche dopo i 5 anni minimi di detenzione del PIR

  2. COMPLETA ESENZIONE DEL PIR DALL’IMPOSTA DI SUCCESSIONE

Quali sono i requisiti per l’esenzione

Il PIR deve rispettare alcuni vincoli di costruzione del portafoglio

  • Almeno il 70% del portafoglio in strumenti finanziari emessi da imprese italiane o da aziende dell’Unione Europea e spazio economico europeo con stabile organizzazione in Italia
  • Il 30% del 70% di cui sopra deve essere investito in strumenti emessi da imprese diverse da quelle dell’indice FTSE MIB o indici equivalenti.
  • I sottoscrittori del PIR devono essere persone fisiche residenti fiscalmente in Italia
  • Il Piano individuale di risparmio può essere solo monointestato (essere intestato solo ad un soggetto)
  • La persona fisica può sottoscrivere solo ed esclusivamente un PIR in tutto il sistema bancario e finanziario (un PIR per codice fiscale in tutta Italia)
  • L’investimento deve essere mantenuto per un minimo di 5 anni
  • Il massimo importo sottoscrivibile per anno solare è pari a 30.000€ e il limite complessivo sull’intero piano è pari a 150.000€ (sia in modalità di investimento PIC –   versamento in un’unica soluzione, in questo caso 30.000€ da poter versare ogni anno per cinque anni, sia in modalità di versamento PAC – Piano di accumulo del capitale con piccoli versamenti mensili, trimestrali, semestrali o annuali)

Schermata 2017-03-27 alle 13.00.58

A chi si rivolgono i PIR – Piani individuali di risparmio

  • Innanzitutto a chi crede nel potenziale di crescita del nostro tessuto imprenditoriale
  • a chi confida nelle capacità e potenzialità di crescita del tessuto produttivo italiano contraddistinto dalle realtà delle PMI
  • a chi può investire nel MEDIO – LUNGO termine per fruire dell’agevolazione fiscale, con la possibilità comunque di svincolare il proprio investimento in qualsiasi momento
  • a chi cerca un apprezzamento dei propri risparmi beneficiando anche di un trattamento fiscale agevolato
  • a chi cerca soluzioni ulteriori per diversificare il loro investimento sul mercato italiano

Con questi presupposti e queste caratteristiche Fideuram S.P.A. ha creato il suo PIR, facendo nascere il Fondo denominato “Piano Investimento Italia

Per ricevere maggiori informazioni si prega di compilare il modulo sottostante

10° emissione di Btp Italia

,

Al via la decima emissione promossa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze relativa al Btp Italia.

Come per le precedenti emissioni Fideuram aderisce all’iniziativa.

Il collocamento del titolo avverrà dal 17 al 20 ottobre 2016 (compresi) salvo chiusura anticipata e sarà articolato in due fasi: la prima fase, dal 17 al 19 ottobre, riservata agli investitori retail, la seconda fase riservata agli investitori istituzionali il giorno 20 ottobre.

Ricordiamo che si tratta dell’emissione di un titolo di Stato che viene indicizzato all’inflazione italiana (Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati – FOI, senza tabacchi).

La durata del titolo è di otto anni e le cedole sono semestrali.

Chi acquista il BTP Italia  durante la Prima Fase di collocamento e conserva il titolo fino alla scadenza (24 ottobre 2024) potrà avere anche un premio fedeltà del 4 per mille lordo sul valore nominale dell’investimento.

Riassunto Iniziative Commerciali 2016

riassunto-iniziative-commerciali-2016

Aggiornamento settimanale sui mercati

A Vostra disposizione il nuovo aggiornamento settimanale sui mercati finanziari curato ed elaborato da Fideuram Investimenti.

I temi della settimana prendono in esame l’assenza di novità rilevanti da parte della BCE e la conseguente delusione per i mercati.

Per disporre del documento di analisi Vi invito a cliccare (o toccare) l’immagine sottostante

AGGIORNAMENTO SUI MERCATI

Nuova obbligazione Citigroup Global Markets Holding Inc.

city

 

Si rinnova per Fideuram l’offerta obbligazionaria con un nuovo titolo disponibile da martedì 13 settembre.

L’obbligazione è emessa da Citigroup Global Markets Holding Inc., una società utilizzata per l’emissione di bond strutturati interamente controllata e garantita da Citigroup Inc.

Il titolo a tasso misto in dollari, della durata di dieci anni, ogni anno prevede il pagamento di una cedola lorda annua così calcolata:

  • tasso fisso 2,50% il primo, secondo e terzo anno

 

  • tasso variabile i restanti anni (dal quarto al decimo) pari a Libor usd 3m + 1,12% con minimo 0% e massimo 5,00%

 

Per richiedere maggiori informazioni si prega di compilare il modulo sottostante